IL MESSAGGIO NELL’ERA DELLA COMUNICAZIONE 4.0

startup-593329_960_720

Viviamo nell’era della comunicazione 4.0, il fatto che tu stia leggendo questo articolo sul tuo telefono, in una newsletter online o su Twitter lo dimostra, che ci piaccia o no. In un mondo di contenuti e canali moltiplicativi, tutti noi lottiamo per identificare le fake news, selezionare fonti attendibili e concentrarci su ciò che conta davvero.

Ma quindi come possiamo affrontare al meglio questa situazione? Come possiamo gestire l’infinito flusso di informazioni mentre trasmettiamo il nostro messaggio al mondo?

Ecco cinque suggerimenti per iniziare:

1. Conosci il tuo ambiente. Non è necessario avere un milione di follower su Twitter o migliaia di Mi piace su Facebook, ma dovresti avere una buona conoscenza dei diversi canali di comunicazione e di come utilizzarli in modo efficace. Ciò include l’essere ricercabili e avere una presenza chiara sul web, indipendentemente dal fatto che tu sia un osteopata locale o un dirigente di una multinazionale. Il passaparola non è più sufficiente per stabilire una reputazione.

2. Le buone capacità di scrittura sono essenziali. La capacità di scrivere bene ed esprimere chiaramente i tuoi pensieri è spesso sottovalutata. Si applica a tutte le aree della comunicazione, dal marketing al giornalismo, dai social media alla stampa. La narrazione può essere uno strumento particolarmente potente nel comunicare il tuo messaggio, e vale la pena studiare diversi stili e tecniche narrative. Le aziende stesse hanno da tempo riconosciuto il potere della buona scrittura. Sessanta anni fa, la compagnia petrolifera Eni ha affidato al poeta Attilio Bertolucci la pubblicazione interna “The Wild Cat”. Pirelli, il produttore di pneumatici, ha commissionato a scrittori famosi come Eugenio Montale, Umberto Eco e Dino Buzzati per la sua rivista “The Civilization of Cars”. Pirelli pubblica ora un volume chiamato “New World” che assomiglia più a un coffee table table che a una rivista, con illustrazioni e foto di alta qualità. Olivetti, famosa per le sue iconiche macchine da scrivere, ha anche collaborato con noti narratori per promuovere il proprio marchio.

3. Vivere, analizzare e interpretare il contesto. L’esperienza vissuta è una parte vitale per comprendere il contesto generale e prendere le giuste decisioni 

4. La creatività è la chiave. Le regole e il senso della struttura sono indispensabili per la maggior parte delle persone creative. Le carriere creative di successo richiedono impegno e perseveranza. John Legend ha continuato a dare presentazioni powerpoint durante il giorno e cantare di notte, anche dopo l’uscita del suo primo album di successo. Stephen King ha lavorato come insegnante, guardiano e benzinaio fino a sette anni dopo la pubblicazione del suo primo romanzo. T.S. Eliot continuò a lavorare in una banca fino al 1925, tre anni dopo la pubblicazione del suo lavoro più popolare, “The Waste Land”. Harper Lee stava lavorando per una compagnia aerea quando la sua amica per tutta la vita Truman Capote la persuase a scrivere le storie della sua infanzia. 

5. Resisti ad un senso di meraviglia e curiosità. Tendiamo ad associare la creatività con artisti e inventori, quando in realtà tutti noi siamo creativi, secondo David Kelly e suo fratello Tom nel loro libro “Creative Confidence”. Abbiamo semplicemente bisogno di attingere a quella creatività e condividerla. Questa idea mi parla a causa del mio background familiare nel settore tessile. Inconsciamente, ho assorbito molte lezioni sulla creatività e sull’artigianato, sul disegno e sulla moda, sugli affari e sui valori interculturali. E non ho mai perso una sconfinata curiosità per il mondo. Gli uomini e le donne sono ugualmente bravi nella scienza, ma gli uomini pensano di essere migliori. Gli scienziati hanno trovato geni che possono aiutarci a capire meglio la depressione. Ecco come l’intelligenza artificiale può farti migliorare nel ragionamento. il modo in cui comunichiamo al lavoro è completamente sbagliato. Questo è ciò che deve cambiare.

Fonte: https://www.weforum.org/agenda/2018/05/five-tips-message-clear-communicate-effectively-serena-scarpello/

NEWS FROM THE NETWORK

LAVORI IN CORSO

CASE HISTORY

ABOUT

Il Blog dove parleremo di tecnologie, case history, strumenti e idee per rendere i brand più coinvolgenti. L’essere umano ha sempre avuto l’urgenza di comunicare: nostro obbiettivo quello di accompagnare i nostri clienti all’interno di questo processo naturale. Partecipate anche voi alle discussioni. Se siete blogger e volete collaborare, scriveteci, vogliamo sentire la vostra voce.

The-meaning-of-the-communication

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>